Home   Forum Psicologia
Forum Psicologia
 

Ricerca  Connessione Connessione Rispondere Creare una discussione
 


Ultima risposta
Discussione : Vorrei una ragazza ma non so come fare vista la mia situazione!
narghilele ciao mimmo, ho letto tutta la tua storia... beè che dire... non sei ne il primo ne l'ultimo... purtroppo anche io mi trovo in una situazione simile alla tua, sono appena uscito da una storia importante e mi è caduto il mondo addosso, non ho più stimoli per far nulla e non mi piace nulla!! ora sto lottando per tirarmi su, esco tutti i giorni e mi sono fatto nuovi amici...il problema è che questi stanno peggio di me... XD
volevo sapere dopo questi anni come ti è cambiata la vita, come ti trovi ora, spero vivamente che non hai fatto la cazzata di ucciderti perchè rinunciare a tutto solo per 1/4 di vita andata male non ne vale la pena... e te lo dico io che penso al suicidio da quando avevo 8 anni...  
spero che leggi questo post e di sentirti presto anche se son passati quasi 3 anni...

La tua risposta
Login    Per inviare un messaggio, devi essere iscritto a questo forum ... se ancora non lo sei, clicca qui!
Il tono del tuo messaggio                        
                       
La tua risposta


[b][i][u][strike][spoiler][fixed][cpp][url][email][img][flash]Inserisci il codice di un video[*]   
 
   [quote]
 

Opzioni

 
Hai perso la password?


Anteprima della discussione
narghilele ciao mimmo, ho letto tutta la tua storia... beè che dire... non sei ne il primo ne l'ultimo... purtroppo anche io mi trovo in una situazione simile alla tua, sono appena uscito da una storia importante e mi è caduto il mondo addosso, non ho più stimoli per far nulla e non mi piace nulla!! ora sto lottando per tirarmi su, esco tutti i giorni e mi sono fatto nuovi amici...il problema è che questi stanno peggio di me... XD
volevo sapere dopo questi anni come ti è cambiata la vita, come ti trovi ora, spero vivamente che non hai fatto la cazzata di ucciderti perchè rinunciare a tutto solo per 1/4 di vita andata male non ne vale la pena... e te lo dico io che penso al suicidio da quando avevo 8 anni...  
spero che leggi questo post e di sentirti presto anche se son passati quasi 3 anni...
LizBennet82 Ciao mimmo,
non esistono le domande o i ragionamenti stupidi :)  
Secondo me (e insisto, è solo un mio parere), punto primo, il sesso della persona con cui ti confronti è importante. E cioè, se ti senti più a tuo agio con una donna, scegli una donna! Però lasciati la possibilità di cambiare se senti che quella persona non fa per te, magari dopo una seduta ti rendi conto che sei più a tuo agio con un uomo.
Punto secondo, per quanto riguarda l'età del terapeuta... secondo me importa poco, però sceglierei qualcuno che abbia una reputazione oppure un'esperienza abbastanza vasta. Dopotutto, i meccanismi che si realizzano nella tua psiche non dipendono dall'età, sono universali. Uno psicoterapeuta con una certa esperienza ha già incontrato (e risolto) casi come il tuo, una persona più giovane magari no.
Ripeto, è solo un mio consiglio, puoi trovare una persona molto competente e giovane, io cercherei solo di non andare a caso ma di trovare (almeno su internet) qualcuno che confermi che il terapeuta che scegli è competente.
mimmo78 Ciao Lizbennet!
Ti ringrazio di cuore, sei stata molto gentile e disponibile.
 
Ho cercato i nomi degli psicologi della mia città su internet e, tramite il sito dell’albo provinciale, sono in grado di far dei filtri per età, sesso e specializzazione.
Tra gli psicologi pscoterapeuti, ci sono sia uomini che donne di ogni età. Dai 30 (o anche meno) ai 60 anni (e anche più). Non so se è una buona idea, ma chiedo un tuo parere in merito. Io pensavo di rivolgermi a una psicologa (quindi a una donna) che abbia all’incirca la mia età. Non credo che un uomo, soprattutto più anziano, abbia la sensibilità per comprendere a fondo quello che sto passando. Lo so che l’esperienza conta ma credo che anche l’età possa incidere e chi appartiene ad una generazione diversa dalla mia potrebbe non capirmi. Tuttavia, non so se sia una buona idea rivolgersi ad una ragazza psicologa visto le difficoltà che ho avuto con l’altro sesso.
In fondo, le dovrei raccontare i miei problemi, la mia totale inesperienza con il gentil sesso e potrei sentirmi in imbarazzo. E se poi lei mi dovesse piacere fisicamente? Sarebbe un disatro! Mi bloccherei completamente.
Cosa ne pensi? Io ho difficoltà ad avvicinarmi alle ragazze, potrebbe proprio una ragazza psicologa aiutarmi ad affrontare i miei problemi?
 
Forse il mio ragionamento è banale e stupido. Forse dovrei rivolgermi ad uno psicologo psicoterapeuta di una certa età che abbia molta esperienza.
Se dunque ho pensato e scritto delle sciocchezze, fammelo pure notare senza problemi.
 
Grazie sinceramente
 
Mimmo
LizBennet82 Allora per risponderti: io sono andata da uno psicoterapeuta, che secondo me è lo specialista migliore perché generalmente è il più veloce.
Quando ho trovato lo psicoterapeuta giusto, ci sono volute 4 sedute. Io avevo alcuni esercizi da fare a casa, soprattutto respirazione e concentrazione.
Non prendevo nessun farmaco e sinceramente te lo sconsiglio. Non servono a curare la causa, solo il sintomo.
Ho voluto cambiare dal primo (in realtà dalla primA) perché non c'era feeling, non mi sentivo molto a mio agio. Ne ho cambiati un paio prima di trovare quello giusto. E' importante che tu ti senta in confidenza, che ti fidi del terapeuta quindi devi scegliere quello giusto.
 
Figurati, non ho nessun pudore nel parlare di queste cose, oggi come oggi non diresti mai che sono andata dallo psicologo, col che si dimostra che non ci vanno solo i matti, ma che dovrebbe essere un riflesso condizionato quando non si sta bene, come il fatto di andare dal medico quando hai l'influenza!  
mimmo78

LizBennet82 ha scritto :

Per prima cosa ne ho parlato con il medico e lui mi ha consigliato uno psicologo. Poi, quando ho voluto cambiare, ho guardato su internet e ho cercato una persona consigliata da altri utenti. Se vai su google e metti il nome della tua città + psicologo vedrai una serie di risultati, magari c'è qualcuno che parla di uno psicologo in particolare!
Se ne trovi uno sulle pagine gialle poi verifica su google se ne parla qualcuno!


 
OK, grazie per la dritta.
Se posso ancora farti qualche domanda in merito, quanto sei stata in cura prima di vedere dei risultati? Perché hai voluto cambiare il primo psicologo? La cura è qualcosa che è confinata all'interno della ora o delle ore di seduta settimanale con lo specialista oppure avevi dei "compiti per casa" da fare in autonomia? Prendevi anche dei farmaci?
Scusami per tutte queste domande ma non conosco nessuno che sia stato da uno psicologo.
Se non vuoi rispondermi, ti capisco perché son cose personali ma se ti va mandami un messaggio in privato. Grazie!

LizBennet82 Per prima cosa ne ho parlato con il medico e lui mi ha consigliato uno psicologo. Poi, quando ho voluto cambiare, ho guardato su internet e ho cercato una persona consigliata da altri utenti. Se vai su google e metti il nome della tua città + psicologo vedrai una serie di risultati, magari c'è qualcuno che parla di uno psicologo in particolare!
Se ne trovi uno sulle pagine gialle poi verifica su google se ne parla qualcuno!
mimmo78

LizBennet82 ha scritto :

No mimmo, non volevo chiudere il discorso, ma pensi di essere depresso e in questo purtroppo un comune mortale come me non può aiutarti... Se veramente sei in depressione, l'unico aiuto è quello di uno specialista, anche convenzionato, magari in un'altra città, ma ci sono passata, e so che l'aiuto deve essere professionale, i propri cari, gli amici o i forum ti fanno solo girare intorno.
Però... smettila di fare la vittima mimmo! ;) Reagisci dai!


 
OK, Lizbennet  hai ragione, devo smetterla di fare la vittima!   ;)  
Mi piango troppo addosso, me ne rendo conto anch'io e non mi piace.
Ma tu sei stata aiutata a trovare lo specialista giusto o hai fatto da sola e ti è andata bene al primo colpo? Io non saprei da chi andare, mi metto a carcare la voce "psicologo" sulle Pagine Gialle!?  :??:  
 

LizBennet82 No mimmo, non volevo chiudere il discorso, ma pensi di essere depresso e in questo purtroppo un comune mortale come me non può aiutarti... Se veramente sei in depressione, l'unico aiuto è quello di uno specialista, anche convenzionato, magari in un'altra città, ma ci sono passata, e so che l'aiuto deve essere professionale, i propri cari, gli amici o i forum ti fanno solo girare intorno.
Però... smettila di fare la vittima mimmo! ;) Reagisci dai!
mimmo78

LizBennet82 ha scritto :

Ciao mimmo, beh se pensi di soffrire di depressione c'è un'unica soluzione per cambiare le cose... farti aiutare! ;) Non da noi, non da un forum, non da tua mamma... ma da un professionista.
Io stavo male e l'ho fatto, e non lo rimpiango mai.
Un abbraccio!


 
L'aiuto di uno psicologo è una cosa che ho già preso in considerazione ma l'ho scartata per due motivi: le strutture pubbliche del posto dove vivo io sono pessime. Io vedo i "matti" che girano da soli per strada lasciati a loro stessi. Quello che fanno queste strutture e dargli una pillola al giorno e festa finita.
La cura presso uno specialista privato non è sul lungo termine da me sostenibile. Non lo so se ho la depressione, credo di si ma sicuramente uno specialista (che come tutti gli specialisti mirano al guadagno) mi dirà che ho questo problema e che devo sottopormi ad una lunga cura (di mesi o addirittura anni) pagandolo chissà quanti dindini ad ogni seduta. Per uno come me che non è ricco o non ha la stabilità di un lavoro certo e ben retribuito, la cura presso uno speciliasta privato rischia di rovinarlo economicamente.
Scusami Lizbennet se ho risposto in questo modo al tuo consiglio che non è sicuramente fuori luogo ma ci tenevo a sottolineare che non tutti hanno le stesse possibilità, soprattutto quando si tratta di intraprendere delle cure.  
Poi ho capito che volevi chiudere il discorso perché immagino si sta facendo poco interessante e non è molto stimolante avere a che fare con uno come me né in un forum né nella vita reale.
Lo so, nessuno può aiutarmi, tantomeno un forum.
 

LizBennet82 Ciao mimmo, beh se pensi di soffrire di depressione c'è un'unica soluzione per cambiare le cose... farti aiutare! ;) Non da noi, non da un forum, non da tua mamma... ma da un professionista.
Io stavo male e l'ho fatto, e non lo rimpiango mai.
Un abbraccio!
mimmo78

LizBennet82 ha scritto :

Trovarti la ragazza forse non dipende da te


 
E' quello che ho sempre pensato anch'io. Quindi son destinato a rimanere solo per tutta la vita, bella prospettiva  :(  
Se uno la solitudine non l'ha mai provata, non può capire quanto si sta male psicologiacamente. Probabilmente la mia solitudine mi ha portato alla depressione. Non me la sono mai fatta diagnosticare da uno psicologo o da uno psichiatra ma credo di esserne affetto.
E' da ragazzino che sono solo e man mano che passano gli anni mi pesa sempre più.
Comunque grazie Lizbennet e grazie Rosa, almeno voi mi avete risposto che è già molto.
Proverò a fare qualcosa, per me è difficile fare qualsiasi cosa.
Per le persone normali è difficile capire cosa blocca uno come me ad agire. In fondo, tutti pensano è ancora relativamente giovane e in salute. Il problema non è il fisico, anche se qualche piccolo problema c'è l'ho anch'io, ma mentale. Se nel cervello sei bloccato perché ti manca quell'energia, quella spinta a fare, non combini nulla. Non è una cosa che tutti capiscono, lo so. Bisognerebbe provarlo in prima persona ma non lo auguro al mio peggior nemico.

LizBennet82 Applaudo, rosa ha detto quello che penso anch'io!
Troppo facile dire non è colpa mia, è colpa degli altri, sono nato sfortunato ecc...  
Comunque mi piace la nota finale nella tua risposta precedente

Citazione :

Comunque, detto ciò, qualcosa in effetti voglio fare. Sono stato fermo troppo tempo ad aspettare che le cose cambiassero da sole.  
In questi giorni sto riflettendo molto. E' necessario che trovi la forza per darmi una mossa ma devo ancora capire come e da cosa partire. Avrei mille cose da fare, la casa o la ragazza forse sono le cose più evidenti che mi mancano ma non sono che la punta di un iceberg.


 
Credo che tu sia pronto per cambiare qualcosa, quello che vuoi ma se anche cambi un solo elemento, il resto cambierà da sé. Trovarti la ragazza forse non dipende da te, ma cambiare casa, essere più aperto al prossimo e più coraggioso sì, quindi una volta che ti sarai messo in movimento vedrai che avrai buone sorprese! ;)

rosa56 sicuramente se rimani così ad aspettare che qualcosa cambi, senza prendere in mano la situazione, diventa difficile, nella risposta di oggi vedo una passività  che non mi piace, non mi dice niente, senza voglia di cambiare non cambierà niente, e stare li, continuando a dire "sono sfortunato", "non sarei dovuto nascere", mi sembra inutile, hai già la fortuna di non essere sotto un ponte, di non avere malattie degenerative, e di avere un genitore che ti ama, non è da tutti, ci sono persone meno fortunate di te che non hanno neanche la forza e il tempo di lamentarsi e che si mettono in gioco. scusa se ti sembro cattiva, ma secondo me è giusto essere chiari! sei un ragazzo in gamba, non buttarti via!
mimmo78

rosa56 ha scritto :


E allora via, buttati, un posto nuovo, amicizie da ristabilire ex novo, mettersi in gioco, cercare un nuovo lavoro, una casa, un hobby, imparare ad amarsi per poi essere amati..siamo tutte con te mimmo..
anche perchè, poesia a parte, se davvero hai pensato al suicidio, significa che davvero sei ad un punto morto, quindi cos'hai da perdere?? puoi solo guadagnarci!ora o mai più...


 
Ciao Rosa,
grazie di cuore per lo stimolo e l'incoraggiamento che cerchi di darmi.
Il mio difetto è che raramente faccio delle cose che valuto possano avere dei risvolti negativi.
Se vedo una bella ragazza, non mi butto a capofitto a salutarla o chiederle come va perché mi prenderebbe per un matto e nel migliore dei casi riderebbe di me o mi manderebbe a quel paese.
Poi se uno ha fortuna, può andargli bene e quella ragazza può in seguito diventare sua amica o anche qualcosa in più.
Come ho detto a Lizbennet, la fortuna non la comandi. Ognuno sa quanto fortunato è in base a quello che la vita gli ha dato o non gli ha dato. Se hai sempre (o comunque spesso) ricevuto bastonate (ovvero delusioni) difficilemente ti poni verso le novità e verso gli altri con un atteggiamento positivo e di fiducia.
Chi ti garantisce che anche il futuro non andrà come il passato?
Qualcuno una volta, dopo che gli avevo manifestato questa mia visione pessimistica, mi rispose: "Non può piovere per sempre".
Se anche così fosse, chi mi dice che non pioverà ancora per molto molto molto tempo?

mimmo78

Citazione :

Perché usi il passivo? Cos'hai fatto tu per trovarti degli amici e per cambiare la situazione?


 
Ho cercato di essere sempre gentile e disponibile verso gli altri.  
Sono molto selettivo, non mi avvicino e non dò confidenza a tutti, ma con quei pochi che l'ho fatto non ho ottenuto grossi risultati.
Il rapporto con loro, seppur duraturo nel tempo, non si è mai elevato ad amicizia. Sono rimasti dei semplici conoscenti che non hanno mai voluto coinvolgermi in nulla o entrare in confidenza con me. Anche quando ero io a far capire che desideravo un rapporto più profondo, non ottenevo alcuna risposta dalla contro parte ma venivo semplicemente ignorato.  
 

Citazione :

Avrei un paio di domande: ma non hai detto che hai un fratello con moglie e figli? Quindi se tu te ne andassi, perché dici che tua madre rimarrebbe sola?  


 
Si, confermo. Mio fratello, per un motivo o l'altro (impegni di lavoro, impegni della sua famiglia, etc.) si fa vedere ben poco a casa di mia madre.
Io sono il figlio più giovane che è rimasto a casa e questo sembra essere diventato tacitamente (senza che nessuno lo dica chiaramente) il mio ruolo. Restare a casa accanto alla madre che invecchia ;-)
Non sto scherzando, di fatto è così ma non è una cosa che a me piace, anzi mi fa incazzare ogni volta che ci penso.
Ma essendo io il figlio più piccolo forse l'ho presa in quel posto :-(
Forse era meglio se nascevo prima o se nascevo figlio unico oppure se non nascevo proprio!
 

Citazione :

Seconda domanda, sei padre Pio? No perché sinceramente non conosco i tuoi progetti, ma secondo me non si fanno i figli affinché siano infelici. Quindi non vedo perché dovresti sentirti in colpa di farti una vita tua, anzi sono convinta che tua mamma, se le facessi un nipotino sarebbe felice come una pasqua. Magari un nipotino con l'accento tedesco, chissà.


 
Si, sarebbe felice se facessi un nipotino perché adora i bambini.
Ma allo stesso tempo non mi lascia andare, non si fida che io possa cavarmela da solo. Non è che mi tiene incatenato ma ogni volta che, scherzosamente, le dico che me voglio andare a vivere da solo o che voglio scapparmene all'estero per lavoro, si mettere a ridere e mi smonta subito elencandomi tutte le cose che da solo non riuscirei mai a fare.
 

Citazione :

Vuoi dire peggio che pensare al suicidio? No ma scusa, cos'hai da perdere?


 
C'è qualcosa che mi trattiene ancora dal suicidio. Non so cosa ma non è una cosa che potrebbe reggere ad altre eventuali delusioni. E se vado all'estero e il tutto si rivela un fallimento e non ottengo quello che cercavo? E se non trovo il lavoro? Non trovo la casa? Non trovo gli amici? Chi mi garantisce che all'estero non avrei gli stessi problemi che ho qui in Italia? Se non si hanno le spalle ben coperte, se non si ha un piano B nel caso il piano A fallisca, si rischia di fare una brutta fine.
 

Citazione :

A meno che tu non creda alla reincarnazione, di vita ne abbiamo una sola e una volta buttata via, non è che non sentirai più il dolore. E' che non sentirai più niente, non sarai neanche più lì per renderti conto che non soffri più. Non si regola il segnale della tv staccando la spina, l'immagine non diventa più nitida. Sparisce del tutto e non sentirai nessun beneficio. Sicuro che ne valga la pena?


 
Tranquilla, io non credo in nulla. Rispetto chi crede ma non ho alcun rapporto con la religione.
Anche secondo me dopo la vita non ci aspetta un bel nulla.
 

Citazione :

Sembri un ragazzo intelligente, a prima vista.


 
Grazie per l'"a prima vista" :-)
Comunque no, non sono intelligente abbastanza perché se lo fossi avrei già risolto i miei problemi.
 

Citazione :

Secondo me hai solo una gran fifa di buttarti ;)


Si, ho paura a buttarmi perché in passato mi son andate male un sacco di cose e nulla mi garantisce che anche il futuro non mi riservi brutte sorprese. E' per questo che sono in una situazione di immobilismo, non facendo nulla si minimazzano i potenziali danni.
Mi son fatto l'idea che nella vita è tutto questione di fortuna.
E la fortuna non ha nulla a che fare con la religione.
E' una caratteristica che uno ha oppure non ha. Non la puoi acquisire.
Forse un giorno, magari tra mille anni, ci sarà una spiegazione scientifica anche per questo.
 
Comunque, detto ciò, qualcosa in effetti voglio fare. Sono stato fermo troppo tempo ad aspettare che le cose cambiassero da sole.
In questi giorni sto riflettendo molto. E' necessario che trovi la forza per darmi una mossa ma devo ancora capire come e da cosa partire. Avrei mille cose da fare, la casa o la ragazza forse sono le cose più evidenti che mi mancano ma non sono che la punta di un iceberg.

rosa56 leggere che un ragazzo di 33 anni si sente vecchio, e non ha più voglia di vivere mi fa veramente piangere il cuore..è un peccato, e non dovrebbe essere così. Tu Mimmo meriti una vita appassionante, degli amici con cui condividere i momenti felici e quelli no, meriti una ragazza che ti apprezzi per quello che sei, come hai detto prima.  
Quello che dici sul teatro nn è vero, io conosco 40 enni che si divertono a provare, è ovvio che ognuno ha le sue passioni e non ti devi costringere a fare nulla, però ricorda che ogni esperienza che può spingerti alla socialità non ti può fare che un gran bene.  
Riguardo all'ipotesi estero: SISISI! Lizbennet ha ragione, devi buttarti, se ti senti demotivato a buttarti, bè forse è solo perchè non hai mai provato! ma c'è sempre una prima volta per tutto!
In più se rimani dove sei, e non cambi qualcosa della tua vita, è ovvio che non trovi nuovi stimoli, la voglia di fare corsi, di buttarsi in nuove attività, di cambiare lavoro, di smettere di fumare e di fare più attività fisica (invento...) non ti verranno dal nulla, mentre un paese nuovo, è sempre una nuova sfida.
Mio fratello vive a Londra da 5 anni, lo vedo a natale, ma non potrei essere più felice di così perchè lo vedo gioioso. E sono sicura che lo stesso vale per tua mamma, quando sei felice tu, per "osmosi" rendi felice anche lei.
E allora via, buttati, un posto nuovo, amicizie da ristabilire ex novo, mettersi in gioco, cercare un nuovo lavoro, una casa, un hobby, imparare ad amarsi per poi essere amati..siamo tutte con te mimmo..
anche perchè, poesia a parte, se davvero hai pensato al suicidio, significa che davvero sei ad un punto morto, quindi cos'hai da perdere?? puoi solo guadagnarci!ora o mai più...
LizBennet82

Citazione :

grazie per il consiglio del teatro, ma non è che sono troppo vecchietto per questo ormai? ;-)


 
Ciao Mimmo,
per prima cosa... scherziamo? Vecchio a 33 anni?? Mio marito, ci siamo incontrati che aveva 33 anni. In pochi mesi ha cambiato lavoro, casa, città. Ed è felice.
Sei a poco più di un terzo dell'aspettativa di vita... non mi costringere a maltrattarti per interposto computer ;)
 

Citazione :

è fin da ragazzo che fantiastico di andare a vivere all'estero (soprattutto nel centro/nord europa) e negli ultimi anni ci ho pensato sempre più frequentemente. Ma è sempre rimasta una mia fantasia.  
Mi piace infatti la mentalità, nonché la lingua tedesca e ho sempre desiderato di poter trasformare questo mia simpatia in qualcosa di più concreto, tipo andare a lavorare o addirittura vivere in Germania, Austria, Svizzera o paesi limitrofi. Ma non conoscendo nessuno, non avendo amici, nessuno che mi indicasse come fare, alla fine non ho combinato nulla e sono rimasto a casa con la mamma :-(


 
Perché hai bisogno di avere degli amici per agire?
 

Citazione :

Il mio problema è che son bloccato, non ho nessuno che mi coinvolga in qualcosa, che mi sproni. Sono completamente lasciato allo sbando da solo. Perché secondo te uno arriva a chiedere consigli in un forum? O perché non ha nessuno a cui chiedere o perché si vergogna di parlare della propria situazione ai suoi familiari/parenti e ai suoi amici (sempre che ne abbia).


 
Perché usi il passivo? Cos'hai fatto tu per trovarti degli amici e per cambiare la situazione? Se tu fossi un biglietto da 50€ capirei che tutti si buttassero su di te per tirarti su. Ma sei un essere umano e gli sforzi devono venire da noi, prima di poterli pretendere dagli altri.
 

Citazione :

Gli anni per me son passati invano e appunto non ho più vent'anni. Partire adesso non credo sia la stessa cosa che sarebbe stato farlo 10 anni fa. E' vero che qui in Italia non ho amici e l'unica persona che lascerei sarebbe mia madre (che rimarrebbe da sola)

,  
 
Avrei un paio di domande: ma non hai detto che hai un fratello con moglie e figli? Quindi se tu te ne andassi, perché dici che tua madre rimarrebbe sola?  
Seconda domanda, sei padre Pio? No perché sinceramente non conosco i tuoi progetti, ma secondo me non si fanno i figli affinché siano infelici. Quindi non vedo perché dovresti sentirti in colpa di farti una vita tua, anzi sono convinta che tua mamma, se le facessi un nipotino sarebbe felice come una pasqua. Magari un nipotino con l'accento tedesco, chissà.
 

Citazione :

ma se vado all'estero senza una meta e senza dei riferimenti, rischio di finire male e pentirmene amaramente.


 
Vuoi dire peggio che pensare al suicidio? No ma scusa, cos'hai da perdere?  
 

Citazione :

Quindi, non sto bene. Non vorrei allarmare nessuno ma penso spesso di farla finita. E' solo un pensiero (fisso) ma non ho probabilmente il coraggio di metterlo in pratica. Mi manca la forza di fare qualsiasi cosa perché già so a priori che qualsiasi cosa farò, andrà male.  


 
A meno che tu non creda alla reincarnazione, di vita ne abbiamo una sola e una volta buttata via, non è che non sentirai più il dolore. E' che non sentirai più niente, non sarai neanche più lì per renderti conto che non soffri più. Non si regola il segnale della tv staccando la spina, l'immagine non diventa più nitida. Sparisce del tutto e non sentirai nessun beneficio. Sicuro che ne valga la pena?
 
Sembri un ragazzo intelligente, a prima vista. Mi è piaciuto quello che hai detto sui siti di incontri, credo anche che tu abbia un certo senso dell'umorismo. Peggio che non vivere, secondo me non c'è niente, perché non solo smetti di sentire (e il sollievo è un sentimento, non ti sentirai sollevato dopo, ricorda) ma oltretutto sprechi tutte le possibilità di vita e le qualità che la natura ti ha dato. Quindi la tua intelligenza, il tuo senso dell'umorismo, la buona salute, le capacità lavorative ecc.  
 
Secondo me hai solo una gran fifa di buttarti ;)

mimmo78

LizBennet82 ha scritto :

Ciao Mimmo,
sai, io vivo in Francia... a Parigi per l'esattezza e ti posso dire senza problemi quanto pago d'affitto. Una barcata di soldi. Eppure, non posso immaginare di vivere ancora a casa con i miei, non avrei mai incontrato mio marito se fossi rimasta a casa con i miei, non avrei trovato un lavoro che mi piace se fossi rimasta a casa. A volte bisogna fare sacrifici su certe cose ma i vantaggi che se ne ricavano sono immensi.  
E credimi, finché non mi sono data una mossa io, per informarmi, cominciare a guardare gli annunci e le agenzie immobiliari, non ne sapevo una cippa neanche io del mercato delle case ;) Da allora ho traslocato 5 volte e adesso so esattamente come muovermi. Ci vuole un po' di esperienza, ecco tutto!


 
Ciao lizbennet,
è fin da ragazzo che fantiastico di andare a vivere all'estero (soprattutto nel centro/nord europa) e negli ultimi anni ci ho pensato sempre più frequentemente. Ma è sempre rimasta una mia fantasia.  
Mi piace infatti la mentalità, nonché la lingua tedesca e ho sempre desiderato di poter trasformare questo mia simpatia in qualcosa di più concreto, tipo andare a lavorare o addirittura vivere in Germania, Austria, Svizzera o paesi limitrofi. Ma non conoscendo nessuno, non avendo amici, nessuno che mi indicasse come fare, alla fine non ho combinato nulla e sono rimasto a casa con la mamma :-(
Il mio problema è che son bloccato, non ho nessuno che mi coinvolga in qualcosa, che mi sproni. Sono completamente lasciato allo sbando da solo. Perché secondo te uno arriva a chiedere consigli in un forum? O perché non ha nessuno a cui chiedere o perché si vergogna di parlare della propria situazione ai suoi familiari/parenti e ai suoi amici (sempre che ne abbia).
Gli anni per me son passati invano e appunto non ho più vent'anni. Partire adesso non credo sia la stessa cosa che sarebbe stato farlo 10 anni fa. E' vero che qui in Italia non ho amici e l'unica persona che lascerei sarebbe mia madre (che rimarrebbe da sola), ma se vado all'estero senza una meta e senza dei riferimenti, rischio di finire male e pentirmene amaramente.
 

LizBennet82 ha scritto :


Per quanto riguarda i siti di incontri... io li ho usati e ci ho incontrato mio marito. Quindi funzionano. Però tieni presente che anche in questo ci vogliono dei sacrifici... ho sempre rifiutato gli appuntamenti con uomini che stavano ancora a casa dalla madre, parlandoci fuori dai denti. E questo, perché spesso questi uomini sono poco indipendenti, mammoni (non sto dicendo che tu sei così, sto generalizzando) e inesperti, oltre a cercare solo una donna che li ascolti e pulisca casa.


 
Infatti io non mi aspetto che una ragazza accetti un appuntamento da me. Io stesso se fossi una ragazza, starei alla larga da uno come me ;-)
E non dovrebbe farlo nemmeno per compassione, perché in quel caso mi arrabbierei io. Io non cerco compassione.
Una persona mi dovrebbe frequentare perché conosce i miei pregi e miei difetti e mi accetta per quello che sono. Poi è ovvio che quello che sono va migliorato e magari questa ipotetica ragazza potrebbe aiutarmi a migliorare (se lo desidera). Io non cerco ragazze per pulirmi casa. E poi preciso che per me ragazza è sinonimo di amica non di fidanzata, quindi non è detto che per forza ci debba vivere assieme. Ognuno si deve fare la pulizie di casa e i lavori domestici in autonomia. Non mi passa nemmeno per l'anticamera del cervello di frequenatare una donna che faccia le veci di mia madre.
 

LizBennet82 ha scritto :


Per una vera relazione, bisogna stare bene con se stessi, e non ho l'impressione che tu ti senta bene con te stesso.
Un passo dopo l'altro, io comincerei con il cambiare te stesso... il resto verrà da sè.


 
Ti confermo che non sto bene con me stesso. Oltre ai problemi che ho già descritto, sto attraversando un brutto periodo dal punto di vista lavorativo poiché ho dovuto cambiare azienda visto che dove lavoravo prima a causa della crisi hanno tagliato personale. Il lavoro per me era tutto, visto che per anni ero andato avanti conncentrandomi al 100% su di esso e trascurando il resto. Adesso mi sono rioccupato momentaneamente ma dove lavoro ora non mi trovo bene né come mansione né come colleghi.
Quindi, non sto bene. Non vorrei allarmare nessuno ma penso spesso di farla finita. E' solo un pensiero (fisso) ma non ho probabilmente il coraggio di metterlo in pratica. Mi manca la forza di fare qualsiasi cosa perché già so a priori che qualsiasi cosa farò, andrà male.
Lo so che sembrano frasi e pensieri banali, ma è davvero ciò che provo.
 

rosa56 ha scritto :

si lizbennet ha ragione sul punto dei siti d incontri, certo che per iniziare ad uscire con qualcuno, devi prima di tutto stare bene con te stesso, l'idea di qualche corso, se non di sport puoi sempre puntare a qualcosa di diverso, hai mai pensato di fare teatro? può essere un modo interessante per aprirti verso gli altri, per comunicare e per conoscerti! io conosco molte persone timide e solitarie che fanno teatro e che da allora sono rinati,  


 
Ciao Rosa,
grazie per il consiglio del teatro, ma non è che sono troppo vecchietto per questo ormai? ;-)
Non conosco come funziona con il teatro ma credevo fosse una cosa che si fa più che altro da bambini o da ragazzi...
In effetti non conosco proprio il mondo del teatro in sè perche son decenni che non ci entro ;-)

rosa56 si lizbennet ha ragione sul punto dei siti d incontri, certo che per iniziare ad uscire con qualcuno, devi prima di tutto stare bene con te stesso, l'idea di qualche corso, se non di sport puoi sempre puntare a qualcosa di diverso, hai mai pensato di fare teatro? può essere un modo interessante per aprirti verso gli altri, per comunicare e per conoscerti! io conosco molte persone timide e solitarie che fanno teatro e che da allora sono rinati, lo sport è cmq sempre una bella idea, per farsi nuovi amici e per la salute, il che non è male!  
La casa, è secondo me il primo punto, se non ti fidi a cercare su internet,non esitare a rivolgerti ad un agenzia immobiliare, solo magari per vedere come funziona il mercato!
LizBennet82 Ciao Mimmo,
sai, io vivo in Francia... a Parigi per l'esattezza e ti posso dire senza problemi quanto pago d'affitto. Una barcata di soldi. Eppure, non posso immaginare di vivere ancora a casa con i miei, non avrei mai incontrato mio marito se fossi rimasta a casa con i miei, non avrei trovato un lavoro che mi piace se fossi rimasta a casa. A volte bisogna fare sacrifici su certe cose ma i vantaggi che se ne ricavano sono immensi.  
E credimi, finché non mi sono data una mossa io, per informarmi, cominciare a guardare gli annunci e le agenzie immobiliari, non ne sapevo una cippa neanche io del mercato delle case ;) Da allora ho traslocato 5 volte e adesso so esattamente come muovermi. Ci vuole un po' di esperienza, ecco tutto!
Per quanto riguarda i siti di incontri... io li ho usati e ci ho incontrato mio marito. Quindi funzionano. Però tieni presente che anche in questo ci vogliono dei sacrifici... ho sempre rifiutato gli appuntamenti con uomini che stavano ancora a casa dalla madre, parlandoci fuori dai denti. E questo, perché spesso questi uomini sono poco indipendenti, mammoni (non sto dicendo che tu sei così, sto generalizzando) e inesperti, oltre a cercare solo una donna che li ascolti e pulisca casa.
Per una vera relazione, bisogna stare bene con se stessi, e non ho l'impressione che tu ti senta bene con te stesso.
Un passo dopo l'altro, io comincerei con il cambiare te stesso... il resto verrà da sè.
Poi questo è, ovviamente, solo ed esclusivamente il mio parere :)
mimmo78

rosa56 ha scritto :


Se l idea della casa non ti ispira, una seconda soluzione potrebbero essere i siti di incontri, o i siti di speed dating, un occasione per farti amici e non...c'hai mai pensato'??


 
Ciao Rosa,
non ci avevo pensato perché non mi convince molto l'idea di trovare degli amici con internet. Secondo me, finché si tratta di chiacchierare in una chat o in un forum, va tutto bene ma fare il salto dal web alla vita reale credo non sia così semplice e si rischia di andare incontro a brutte sorprese. Tu hai esperienze diverse in merito? Mi consigli qualche sito in particolare? Sono comunque curioso di capire come funzionano questi siti di incontri.
 
 

LizBennet82 ha scritto :

Ciao mimmo,
sono d'accordo anche io sul fatto che andare a vivere da solo sia il primo passo... come fare ad essere autonomo se sei costantemente frenato dalla mamma?  
Per me meglio mettere meno soldi da parte ma avere amici e una vita indipendente.
Poi una volta che vivi solo potrai cominciare a cambiare le abitudini che hai ora, quindi uscire di più, magari iscriverti a qualche corso o fare uno sport? Un mio amico si è iscritto per imparare a ballare la Salsa e si è fatto un sacco di amici.


 
Ciao lizbennet,
devo ammettere che sono un completo disastro in materia di trovar casa. Non me ne sono mai interessato seriamente ma mi piacerebbe avere un nido tutto mio dove poter fare quello che mi pare, portarci chi mi pare, etc. nel rispetto della mia privacy che adesso vivendo con mia madre non ho.
Escludendo un mutuo che non posso accollarmi, che alternative ho? Anche gli affitti sono alle stelle o almeno per quello che vedo io perché non son capace a muovermi nel mercato delle case.
 

LizBennet82 ha scritto :


Per quanto riguarda i siti di incontri secondo me conviene andarci quando vorrai veramente trovare l'anima gemella, perché per fare amicizia non è ideale.


 
Son comunque curioso di vedere come funzionano questi siti.
Non ho nemmeno Facebook e non capisco come due estranei possano piacersi tramite un sito internet. Ma potrei sbagliarmi...

LizBennet82 Ciao mimmo,
sono d'accordo anche io sul fatto che andare a vivere da solo sia il primo passo... come fare ad essere autonomo se sei costantemente frenato dalla mamma?  
Per me meglio mettere meno soldi da parte ma avere amici e una vita indipendente.
Poi una volta che vivi solo potrai cominciare a cambiare le abitudini che hai ora, quindi uscire di più, magari iscriverti a qualche corso o fare uno sport? Un mio amico si è iscritto per imparare a ballare la Salsa e si è fatto un sacco di amici.  
Per quanto riguarda i siti di incontri secondo me conviene andarci quando vorrai veramente trovare l'anima gemella, perché per fare amicizia non è ideale.
Facci sapere!  :hello:  :hello:
rosa56 Ciao mimmo, io credo che l'idea di andare a vivere da solo non sia male, anzi, forse è proprio quello di cui hai bisogno, non so se risolverà il problema della fidanzata, ma secondo me ad un certo punto occorre allontanarsi dal nido, prendere il volo, iniziare ad "arrangiarsi" in tt e per tt, dalle cose insignificanti come i lavori di casa, alla preparazione dei pasti, insomma occuparsi di se, in più anche il fatto di condividere uno spazio con qualcuno che non conosci potrebbe essere sicuramente un ottimo modo di fare nuove conoscenze!
Se l idea della casa non ti ispira, una seconda soluzione potrebbero essere i siti di incontri, o i siti di speed dating, un occasione per farti amici e non...c'hai mai pensato'??
mimmo78 Salve a tutte!
 
Ho 33 anni, sono single, lavoro e non ho amici.
Conoscenti molti ma nessuno di questi si può definire amico.
In realtà quello che mi manca è una ragazza. Non necessariamente dovrebbe essere la mia fidanzata ma vorrei poter confidarmi e divertirmi con lei.
Come faccio a trovare una ragazza? Quali sono i luoghi migliori per conoscerle? Come faccio ad avvicinarle e farle interessare a me? Sono molto timido e impacciato, non esco mai con nessuno e non frequento locali, discoteche o altri luoghi di divertimento.
Non studio, quindi non frequento scuole o università.
Sul lavoro, per via dell'attività e dell'organizzazione aziendale, non ho possibilità di conoscere ragazze o di instaurare nuove amicizie.
Mi rimane solo il tempo libero che passo sempre solo come un cane.  
In più ho un'altro grosso problema: non potrei mai portare una ragazza a casa mia poiché vivo ancora con mia madre che mi controlla e vuole sapere tutto ciò che faccio e se mi vedesse con una ragazza vorrebbe subito sapere per quale motivo ci sto insieme, chi è e dovrei avere la sua approvazione. Sembra incredibile, lo so, ma in casa sono sempre stato considerato e trattato come "il bambinone". Mio fratello maggiore, il prediletto di mia madre, è già sposato da molti anni e vive per i fatti suoi con moglie e i figli.
Io invece sono sempre stato considerato l’eterno secondo, meno intelligente, meno capace, meno tutto e anche più controllato e messo a guinzaglio. Questo mi ha causato diversi problemi psicologici che mi hanno portato spesso ad isolarmi e non avere rapporti con gli altri, non avere amici ed ovviamente non avere la ragazza.
Adesso alla mia età mi sento molto solo, vorrei frequentare una compagna. Lo scopo non è per fare sesso ma per sentire la vicinanza di un essere umano, confidarmi, divertirmi, etc. Poi se arriva anche il sesso, meglio ma non è quella la mia priorità.
Per risolvere il problema di mia madre, da diverso tempo sto pensando di andare a vivere da solo.
Non navigo nell’oro quindi per me trovare un alloggio non è semplice ed il fatto di vivere a casa di mia madre mi fa risparmiare parecchi quattrini.
Tuttavia, anche se vivessi da solo, secondo me, il mio problema non sarebbe risolto. Non saprei comunque come trovare una compagna.
 
Se avete dei consigli per un caso così disperato, vi prego fatevi avanti!
 
Grazie a tutte!
 
Ciao
 
Mimmo
Newsletter

Test consigliato

Momento di malinconia o depressione?

Test psicologia

Momento di malinconia o depressione?